Home 9 Punto d'Interesse 9 La Darsena Romana

La Darsena Romana

Ingresso pedonale e senza dislivello dal Varco Fortezza (Calata Cesare Laurenti).

Darsena Romana, snc

Vi trovate nel cuore del porto storico, tra le rovine d’epoca romana di un piccolo porticciolo di forma rettangolare, comunicante con il nuovo porto solo da un piccolo tratto, per favorire il transito di pescherecci, vedette da diporto e motovedette militari: la Darsena Romana. Questa costruzione di epoca traianea, ricavata da un laghetto costiero, sopravvisse intatta fino al Medio Evo, mentre l’aspetto attuale risale a tempi recenti. In epoca moderna fu utilizzata come ricovero delle Galere Pontificie, mentre, nel 1610, su committenza di papa Paolo V, vi furono edificati, sul lato est, a ridosso della Rocca, i magazzini dell’Annona.
Successivamente, sullo stesso lato, sorse il “Bagno Penale”, distrutto durante i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale e che fino al XIX secolo ospitò i condannati per reati gravi. Vicino ad esso era presente un cotonificio dove lavorava una parte dei detenuti. Queste antiche prigioni furono palcoscenico di ben due sommosse, una tra il 4 e 5 settembre 1820 e l’altra il 12 febbraio 1833, passate agli onori della cronaca.
In queste acque, nel 1834, venne recuperato il braccio bronzeo con tridente di una colossale statua di Nettuno, oggi custodito presso i Musei Vaticani, mentre altri importanti reperti sono esposti nel Museo Archeologico Nazionale di Civitavecchia.
Oggi da qui partono le “paranze”, le barche attrezzate per la pesca: se amate questo mondo, venite la mattina e troverete i pescatori intenti a riparare le reti, mentre nel pomeriggio, al ritorno dei pescherecci, potrete acquistare il pesce appena pescato.

Punti correlati:

Largo Camillo Benso Conte di Cavour, 1

Calata della Rocca, 33